0
  • An empty cart

    You have no item in your shopping cart

Inserisci la tua ricerca

post

Perché gli italiani hanno difficoltà con la lingua inglese?

Perché gli italiani hanno difficoltà con la lingua inglese?

Ti piace viaggiare? Sei appena tornato da un viaggio e non vedi l’ora di organizzare il prossimo? Pensi all’idea di trasferirti all’estero? C’è una motivazione profonda a questa irrefrenabile ed impetuosa voglia di prendere e partire alla scoperta di nuove mete. Il motore propulsore che ci spinge ad andare oltre i nostri confini è determinato da una ragione molto semplice: viaggiare ci rende felici e liberi! Capita spesso però, di arrivare nella meta tanto desiderata e di iniziare ad inciampare nelle prime difficoltà. Prima tra tutte l’utilizzo della lingua internazionale per eccellenza, l’inglese. L’inglese è intorno a noi.

Ognuno di noi può imparare una nuova lingua, è divertente e stimolante, nonché facile. Tra tutte, quella più amata è la lingua inglese che oggi è considerata una delle più facili che esistono. La sua facilità deriva dal fatto che i vocaboli inglesi sono tutti intorno a noi. Comunichiamo tramite chat di whatsapp, facebook, instagram e la parola “chat” deriva proprio dal verbo “to chat” che, in italiano traduce chiacchierare. Eppure continuiamo ad avere enormi difficoltà nell’esporre un concetto a volte molto semplice. Viviamo nell’era del digitale, ogni giorno sperimentiamo l’utilizzo di app innovative, ci interfacciamo con e sui social network, leggiamo vocaboli nuovi in rete, sui cartelloni pubblicitari e nei film. Tutte le parole inglesi che ci circondano possono aiutarci, ma non è abbastanza!

Più pratica, meno teoria!

Grazie agli studi condotti dalla Commissione Europea e alla Banca dati della Scuola di inglese, sono emersi dei dati poco positivi sugli italiani: il 40% degli italiani sostiene che, a causa di una non conoscenza o conoscenza scarsa della lingua inglese, ha perso opportunità di lavoro interessanti. Sarebbe necessaria una rivisitazione del metodo didattico – pedagogico dato che nella scuola italiana ci si sofferma maggiormente sulla grammatica e sulla scrittura. In Olanda, ad esempio, le ore settimanali di studio della lingua inglese sono 2 come in Italia, ma ci si sofferma soprattutto sullo speaking e sulla conversation. Gli studenti olandesi, simulano situazioni reali applicando la lingua inglese esercitandosi sullo scambio e sul confronto verbale.

Senza-titolo-2

Un’altra notevole differenza tra questi due Paesi presi in esame che, purtroppo, fa emergere l’arretratezza dell’Italia è dovuta alle dinamiche sociali interne. L’atteggiamento di chiusura del nostro Paese nei confronti di tutto ciò che è diverso, ci rende limitati, catapultandoci in situazioni problematiche a cui non sappiamo trovare soluzione. Le ore di lezione a scuola non sono abbastanza sufficienti per farci acquisire padronanza della

lingua inglese. Bisognerebbe impegnarsi anche al di fuori delle mura scolastiche, un esempio? Guardare le serie tv o i film preferiti in lingua o con il supporto di sottotitoli, tradurre i testi delle canzoni, fare ricerche o consultare siti web in inglese, e, soprattutto, sfruttare i viaggi anche per sforzarsi a parlare in inglese. La capacità di apprendere vocaboli e modi dire è molto alta.

Un ulteriore stimolo per conoscere una nuova lingua in maniera approfondita e puntuale è quello dato dall’affiancamento di persone esperte e del settore. Con il team di Opera Project, ad esempio, puoi superare gli ostacoli e sentirti pronto ad affrontare un viaggio o un colloquio di lavoro all’estero. Con un po’ di volontà anche gli ostacoli più difficili si superano con successo. Ti aspettiamo da Opera Project per affiancarti nello studio e nella conoscenza della lingua inglese.

 

Nessun commento

Aggiungi la tua valutazione

L’indirizzo email non verrà pubblicato.